Acqua

Quanto di più da conoscere per migliorare la vita

wenzhou,-il-partito-obbliga-gli-insegnanti-a-‘non-credere-in-nessuna-fede’-…

Gli insegnanti devono firmare un documento di adesione, anche se l’obbligo è contrario alla costituzione cinese. La campagna di ateismo nelle scuole del Zhejiang dura da anni.

Wenzhou (AsiaNews/ChinaAid) – Alcune foto diffuse sui social mostrano che a Wenzhou (Zhejiang) il Partito comunista richiede a tutti gli insegnanti di firmare un documento in cui si accetta di non professare nessuna religione e di promuovere invece l’ateismo fra i propri studenti.

Il documento che gli insegnanti devono firmare deve essere provvisto di molti dati: nome, cognome, genere, età, ore di lavoro, posizione, scuola (foto 2). A essi si chiede di impegnarsi in quattro direttive:

–       Affermare in modo fermo la prospettiva marxista sulle religioni, rafforzare l’educazione ateista e lo studio;

–       Non credere in nessuna religione, non partecipare ad alcuna attività religiosa, non pubblicizzare o diffondere religione in nessun luogo;

–       Sostenere in modo attivo la nuova civiltà socialista e il nuovo corso;

–       Non fare pubblicità a superstizioni feudali, non impegnarsi in nessuna attività legata alle superstizioni feudali.

Per molti cristiani e avvocati, la direttiva è anticostituzionale. Nella costituzione cinese infatti si afferma con chiarezza che ogni cittadino in Cina ha libertà di religione, di praticare la propria fede, senza specificare il lavoro o l’età.

Di fatto, questo documento è un altro segno della potente campagna messa in atto dal Fronte unito nel frenare la fede fra i giovani. Ciò avviene non solo con il divieto di andare a messa per i minori di 18 anni, ma anche con verifiche e provvedimenti disciplinari fra insegnanti e studenti se qualcuno di loro si dichiara credente.

L’impegno di insegnanti del Partito che diffondono l’ateismo fra i ragazzi dura da tempo. Essi educano a non credere in Dio non solo con i discorsi, ma anche con punizioni umilianti.

La campagna antireligiosa nel Zhejiang dura da anni. Oltre al potenziamento dell’ateismo nelle scuole, il Partito ha promosso la chiusura e distruzione di chiese, la cancellazione di segni religiosi, la rimozione delle croci. Secondo esperti, il motivo è che in questa provincia almeno il 10% della popolazione è cristiana.

Lascia un commento