Verissimo, Michelle Hunziker: “Si è presentato davvero con la pistola. Diceva che così avrebbe liberato la mia anima”

Posted On By admin
verissimo,-michelle-hunziker:-“si-e-presentato-davvero-con-la-pistola.-diceva-che-cosi-avrebbe-liberato-la-mia-anima”

“Tu l’hai conosciuta sulla tua pelle, hai saputo trasformare il tuo dolore in forza. Cosa ti senti di raccontare oggi? Sei un esempio per tante donne”. Con queste parole Silvia Toffanin ha introdotto Michelle Hunziker, ospite in collegamento della puntata odierna di Verissimo, dedicata al tema della violenza sulle donne. La showgirl svizzera ha raccontato così la sua esperienza da vittima di stalking, invitando tutte le donne a non sottovalutare i segnali di pericolo.

“Ne ho avuti molti di stalker, alcuni estremamente pericolosi – ha spiegato Michelle -. Uno era talmente convinto che fossi la sua anima gemella che, quando si è sentito rifiutato, ha annunciato via mail che si sarebbe presentato alla prima del mio spettacolo teatrale con una pistola, così avrebbe liberato la mia anima che non aveva riconosciuto il suo amore. E così effettivamente è stato, si è presentato con la pistola. Quello sarebbe potuto essere un evento tragico se non fossimo stati attenti, invece lo abbiamo preso sul serio ed è stato arrestato. Lui è stato il più pericoloso, ma ci sono stati altri stalker che erano pesanti e potevano rappresentare una minaccia per mia figlia. Io avevo la grande possibilità di proteggermi con una guardia del corpo, però ero molto frustrata perché nel 2005 non si parlava nemmeno di questa cosa in Italia”, ha concluso.

Il Fatto di Domani – Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!


Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Elisabetta Gregoraci scarica Pierpaolo Pretelli, Flavio Vento attacca: “Amicizia ma con il c*** di fuori”

next


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *