Acqua

Quanto di più da conoscere per migliorare la vita

val-di-susa,-tensione-tra-no-tav-e-forze-dell’ordine:-cariche-e-lancio-di-lacrimogeni

Torna la tensione in Val di Susa, dove un gruppo di No Tav è entrato in contatto con le forze dell’ordine a Venaus. Alla fine dell’assemblea che si è svolta al presidio, per decidere i nuovi appuntamenti dopo che questa notte sono iniziati i lavori per ampliare la recinzione del cantiere della Torino-Lione a Chiomonte, circa 150 persone hanno raggiunto il paese con l’intento di raggiungere Giaglio e portare solidarietà agli attivisti dei Mulini in Clarea. La fiaccolata dei No Tav, come si vede dalle immagini, si è avvicinata allo schieramento di carabinieri in tenuta antisommossa. Da lì le cariche e il lancio di lacrimogeni.

Oggi in Edicola – Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!


Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Arcuri: “Al lavoro su anagrafe dei vaccini e app per tracciare le dosi”. Poi fa appello a medici e infermieri neolaureati: “Aiutateci”

next


Articolo Successivo

L’appello di Arcuri ai giovani: “Serve prudenza, speriamo che il Natale sia l’ultimo sacrificio”

next


Lascia un commento