Open

Vaccini obbligatori anche per gli insegnanti come per i medici, i presidi spingono: l’ipotesi che tenta il generale Figliuolo

, Author

L’ipotesi di obbligare almeno gli insegnanti a vaccinarsi, così com’è stato fatto per medici e infermieri, si fa sempre più concreta tra governo e staff del commissario Francesco Paolo Figliuolo. Come già anticipato in una lettera alle Regioni nei giorni scorsi, il generale aveva stimato in oltre 200mila gli operatori scolastici che non avevano ancora ricevuto il vaccino. Il report del commissario per l’emergenza Covid sulla copertura vaccinale nel mondo della scuola parla chiaro: l’85% ha ricevuto la prima dose tra insegnanti e collaboratori scolastici, mentre solo il 72% ha completato il ciclo vaccinale. Una quota considerata ancora troppo bassa, soprattutto alla luce dell’insorgere della variante Delta, che entro la fine di agosto rischia di diventare prevalente. L’obiettivo di Figliuolo, scrive la Stampa, è portare negli hub vaccinali per la seconda dose almeno il 90% dei dipendenti scolastici. Una sfida vera e propria, considerando che di mezzo ci sono le vacanze e lo scetticismo dopo il caos su AstraZeneca ha frenato diversi insegnanti, che proprio per la prima dose avevano ricevuto il vaccino anglo-svedese.


Verso l’obbligo vaccinale per gli insegnanti e gli operatori scolastici

Il rischio concreto è che di riprendere l’anno scolastico con le aule mezze vuote. Di far di nuovo ricorso alla Dad però non vuol sentir parlare il ministro dell’Istruzione Franco Bianchi, che potrebbe alla fine superare i dubbi che per il momento hanno evitato il ricorso all’obbligo vaccinale per gli insegnanti. Le pressioni su quel fronte non mancano, a cominciare dai presidi del sindaco «DirigentiScuola», che oggi saranno a Roma sia per reclamare il nuovo contratto scaduto nel 2018, sia per opporsi al ritorno della Dad per settembre spingendo sull’obbligatorietà dei vaccini per chi lavora nella scuola. Netto il presidente del sindacato, Attilio Fratta: «Se una persona costituisce un pericolo sociale deve essere allontanata». Imporre l’obbligo vaccinale però è visto dai sindacati degli insegnati e da alcuni virologi come una sconfitta, per quanto considerata l’unica soluzione efficace per garantire la sicurezza di tutti. A parlare però restano ancora i numeri, con la situazione da Nord a Sud sulla copertura vaccinale scolastica piena di buchi: come in Calabria, dove gli operatori scolastici che hanno ricevuto prima dose non va oltre il 67,15%, così come nella provincia di Bolzano dove la copertura si ferma al 61,47%. Peggio di tutti fa la Sicilia, dove la soglia si ferma al 56,42%. A queste si aggiungono la provincia di Trento, l’Umbria e la Liguria ancora sotto l’80% della copertura.


Leggi anche:

Leave a Reply