Notizia

Usa, chiesta la sospensione del vaccino Johnson & Johnson dopo 6 casi di trombosi

, Author

Johnson & Johnson

Le autorità sanitarie statunitensi chiedono una pausa nell’uso del vaccino Johnson & Johnson dopo le segnalazioni di casi di coagulazione del sangue estremamente rari.

La Food and Drug Administration (FDA) ha detto che sono stati segnalati sei casi in 6,8 milioni di dosi e che ha agito “con grande cautela”.

Johnson & Johnson ha affermato che sta ritardando anche il lancio del vaccino in Europa.

La mossa degli Stati Uniti segue casi rari simili nel vaccino AstraZeneca, che ha provocato alcuni limiti nel suo utilizzo.

Gli Stati Uniti hanno di gran lunga i casi più numerosi di Covid-19 – oltre 31 milioni – con oltre 562.000 morti.

Il vaccino è stato approvato negli Stati Uniti il ​​27 febbraio e il suo utilizzo è stato finora più limitato di quello delle dosi Pfizer-BioNTech e Moderna.

Tuttavia, il governo aveva sperato in centinaia di migliaia di vaccinazioni del jab ogni settimana poiché è a iniezione singola e la sua conservazione alle normali temperature del frigorifero ne facilita la distribuzione.

Qual è la raccomandazione?

In una dichiarazione congiunta, la FDA e i Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno affermato che stavano “esaminando i dati riguardanti sei casi statunitensi segnalati di un tipo raro e grave di coaguli di sangue in individui dopo aver ricevuto il vaccino J&J”.

Ha detto che la coagulazione è stata chiamata trombosi del seno venoso cerebrale (CVST).

La dichiarazione diceva che questo tipo di coagulo di sangue necessitava di un trattamento diverso dal solito.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright La-Notizia.net

Leave a Reply