Acqua

Quanto di più da conoscere per migliorare la vita

usa,-brandon-bernard-e-il-piu-giovane-condannato-alla-pena-di-morte-degli-ultimi-70-anni:-e-morto-nella-notte

Brandon Bernard è stato così giustiziato in Indiana, nel carcere dove era detenuto nel braccio della morte: la sua è la prima esecuzione in 130 anni nel periodo di transizione tra un presidente e l’altro negli Stati Uniti, la nona federale da luglio quando Trump ha messo fine a una moratoria in corso da 17 anni

| 11 Dicembre 2020

È stato giustiziato questa notte Brandon Bernard: aveva 40 anni ed è il più giovane detenuto condannato alla pena di morte negli ultimi 70 anni di storia degli Stati Uniti. L’uomo era stato condannato nel 1999 per un omicidio commesso quando era ancora un adolescente: tutte le ultime richieste di clemenza che aveva presentato, tramite il suo avvocato, sono state respinte dalla Corte Suprema degli Usa, anche quella presentata all’ultimo minuto per rinviare l’esecuzione di due settimane. E anche il presidente Donald Trump non ha fatto niente per fermare la condanna a morte.

Brandon Bernard è stato così giustiziato in Indiana, nel carcere dove era detenuto nel braccio della morte: la sua è la prima esecuzione in 130 anni nel periodo di transizione tra un presidente e l’altro negli Stati Uniti, la nona federale da luglio quando Trump ha messo fine a una moratoria in corso da 17 anni. Sono cinque le condanne a morte che l’Amministrazione Trump sta affrontando prima che Joe Biden si insedi a gennaio. Sono previste altre 4 esecuzioni prima della fine della presidenza Trump. Con quelle – spiega la Bbc – la sua amministrazione avrebbe il record in oltre un secolo. Gli avvocati di Bernard avevano chiesto che venisse loro concesso il tempo necessario a elaborare una petizione per salvargli la vita. Ma i giudici della corte suprema Stephen Breyer, Sonia Sotomayor ed Elena Kagan hanno respinto la richiesta.

Il Fatto Internazionale – Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!


Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

“A riposo? No, il numero 2 della Sicurezza egiziana indagato per il caso di Giulio Regeni guida ancora la repressione di al-Sisi”

next


Lascia un commento