Studente Infermiere sospeso da Corso di Laurea: portò pappagallo ad una Paziente insultandola.

Posted On By admin
studente-infermiere-sospeso-da-corso-di-laurea:-porto-pappagallo-ad-una-paziente-insultandola.

Portò pappagallo ad una signora, sospeso giovane aspirante Infermiere. Insultò la Paziente: “non sei nemmeno in grado di fare la pipì nel pappagallo, ma vai a f…”. Con lui richiamato dall’ASL l’Infermiere-Tutor.

Uno Studente Infermiere di 22 anni è stato sospeso dal presidente del Corso di Laurea in Infermieristica per aver preteso da una Paziente di mingere mediante un pappagallo. Il giovane era completamente fuori di senno e veniva da una serata di bagordi passata in una nota discoteca lungo l’Adriatico. Ha insultato l’assistita accusandola di aver urinato sulla traversa mono-uso e di non averlo fatto nel presidio opportuno. Peccato che alla donna andava posizionata una padella. Con lui richiamato l’Infermiere-Tutor, reo di non aver controllato lo studente.

Continuano le segnalazioni dei lettori relativamente a storie vere accadute nei reparti e sul territorio. Questa sera presentiamo la vicenda surreale che riguarda questo futuro Infermiere (sempre che gli permetteranno di proseguire gli studi).

Il pappagallo, presidio prevalentemente per Pazienti maschi. Ci sono però degli adattatori o versioni femminili.

E’ comunemente chiamato “pappagallo” un presidio per le urine che viene utilizzato esclusivamente da Pazienti prevalentemente maschi. Proprio per la sua conformazione è adatto ad ospitare il pene dell’uomo e può essere usato in orto o in clino-statismo. Alcune aziende, tuttavia, commercializzano da tempo versioni “al femminile” o adattatori che riescono ad adattare il presidio alla vulva. Li si trova anche in vendita su Amazon, in qualsiasi sanitaria o su altri shop on line.

Il pappagallo: questo tipo di presidio urinario è esclusivamente maschile.
Il pappagallo: questo tipo specifico di presidio urinario (nella foto in alto) è esclusivamente maschile. Lo si trova comunemente in tutti i reparti e al domicilio del paziente di sesso maschile.
Esistono versioni
Esistono versioni “al femminile” del Pappagallo, commercializzati in tutte le sanitarie o on line. Qui una versione vulvare e con adattatore uomo/donna.

Solitamente per le Pazienti viene utilizzato un altro presidio chiamato “Padella“. Lo studente ha preferito fare il bullo e insultare l’ospite con un “non sei nemmeno in grado di fare la pipì nel pappagallo, ma vai a f…” (omettiamo il resto). Ecco il perché della sospensione e del richiamo al suo tutor per omessa vigilanza.

La Padella può essere usata per la raccolta di reflui biologici sia sull’uomo, sia sulla donna.

La Padella: presidio che può essere usato per la raccolta di urine o feci o altri liquidi biologici sia nell'uomo, sia nella donna.
La Padella: presidio che può essere usato per la raccolta di urine o feci o altri liquidi biologici sia nell’uomo, sia nella donna.

La sospensione.

La sospensione per il ragazzo è avvenuta a seguito della segnalazione alla Coordinatrice Infermieristica dell’Unità Operativa dove lo studente del terzo anno faceva tirocinio, una Medicina II, da parte di un parente della Paziente. La segnalazione è stata inviata poi alla direzione dell’ASL e al Corso di Laurea in Infermieristica.

Il richiamo verbale per l’Infermiere-Tutor.

Per responsabilità oggettiva e per omessa vigilanza è stato richiamato dal punto di vista disciplinare anche l’Infermiere-Tutor che seguiva lo studente. A nulla sono servite le sue scuse e le sue giustificazioni.

Ora bisognerà capire se dopo la sospensione sarà permesso allo studente, a cui mancano pochi esami dalla Laurea, di continuare gli studi o meno.

Per altre segnalazioni simili: [email protected]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *