Sondaggi, per il 28% le misure anti contagio sono adeguate. Il 36 le considera insufficienti. La chiusura dei bar? Non piace al 48%

Posted On By admin
sondaggi,-per-il-28%-le-misure-anti-contagio-sono-adeguate-il-36-le-considera-insufficienti.-la-chiusura-dei-bar?-non-piace-al-48%

Secondo l’ultima rilevazione di Swg per il Tg La7 solo il 25% boccia le norme per limitare il contagio perché le considera eccessive e dettate da un eccesso di prudenza dell’esecutivo. Il 35% promuove la chiusura di bar e ristoranti, mentre il 17% la considera una misura insufficiente. Partiti: la Lega perde un punto in una settimana, Fdi ne guadagna mezzo, stabile il Pd. I 5 stelle guadagnano due decimali

| 26 Ottobre 2020

Per sei cittadini su dieci la stretta varata dal governo per combattere il contagio è inadeguata. Il motivo? Sono due e completamente opposti tra loro: per quasi 4 persone su 10 le misure sono insufficienti perché ne servivano di più stringenti. Il 25%, invece, le considera eccessive e accusa il governo di un eccesso di prudenza. A certificarlo è l’ultimo sondaggio di Swg per il Tg La7.

“Come considera le misure dell’ultimo Dpcm annunciate domenica 25 ottobre dal presidente Conte?”, è la domanda che è stata posta agli intervistati. Per il 28% le misure sono adeguate, l’11% non ha una risposta, mentre il 61% le considera inadeguate. Dentro a questo 61% ci sono due fazioni opposte: secondo il 36% bisognava prendere provvedimenti più stringenti, mentre per il 25% le ultime norme sono eccessive e dettate da un eccesso di prudenza dell’esecutivo. In definitiva, dunque, il 64% degli intervistati considera adeguate o addirittura insufficienti le misure dell’esecutivo. A considerare la stretta come un provvedimento troppo pesante è solo un intervistato su quattro.

Nel dettaglio la misura più “popolare” è il divieto per feste al chiuso e all’aperto: per il 77% è una norma adeguata. Promossa anche la chiusura di palestre e piscine (per il 53% è adeguata, per il 41 eccessiva), la didattica a distanza per il 75% delle attività delle scuole superiori (ok dal 51%) e la chiusura dei teatri ( per uno su due è adeguata). Diverso l’esito quando si domanda della chiusura di bar e ristoranti dalle 18 alle 5: solo il 35% la considera una misura adeguata, per il 17 è una misura insufficiente mentre per il 48 è una misura eccessiva.

Le rilevazioni sui partiti, invece, vedono un calo della Lega che perde un punto nell’ultima settimana e si attesta al 23,3%. Insegue il Pd, stabile al 20.4%, mentre il Movimento 5 stelle guadagna due decimali e si attesta al 15,4. La Sinistra è data al 3,8, con Italia viva in leggera caduta al 3,2 e Azione di Carlo Calenda al 3%. Nel centrodestra guadagna mezzo punto Fratelli d’Italia, al 16,2%, mentre Forza Italia vede aumentare le sue stime di tre decimali attestandosi al 6,4. In pratica, quindi, quasi l’intero punto percentuale perso dalla Lega resta nel centrodestra.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!


Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Coronavirus, Castelli: “Aiuti a fondo perduto doppi rispetto a quelli di giugno per chi è costretto a chiudere”

next


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *