Open

Santa Maria Capua Vetere, il Dap contro la diffusione dei dati degli indagati: parte l’esposto al garante della privacy

, Author

Eccessi mediatici e violazione della privacy degli indagati nell’inchiesta sulle torture, pestaggi e depistaggi avvenuti nel carcere di Santa Maria Capua Vetere lo scorso 6 aprile 2020 e che hanno portato alla sospensione di 52 agenti della polizia penitenziaria e di ulteriori 25 nuovi provvedimenti nei confronti di altri dirigenti e dipendenti. Sono queste le ragioni per cui i vertici del Dap, il Dipartimento dell’amministrazione penitenziaria, Bernardo Petralia e Roberto Tartaglia, hanno preannunciato un esposto al Garante della privacy, esprimendo preoccupazione per l’eccessiva esposizione mediatica degli indagati. In precedenza, il sindacato della polizia penitenziaria (Uspp) aveva espresso preoccupazione per la comparsa di uno striscione recante la scritta «52 mele marce? Abbattiamo l’albero!», sottolineando come questo rappresentasse «uno dei segnali di pericolo che deve far riflettere chi continua a pubblicare foto nomi e indirizzi di persone appartenenti a un’istituzione dello Stato che in questo modo di processo pubblico rischiano la reazione di appartenenti alla criminalità, mentre vanno giudicati nelle aule di giustizia». 


Il Dap contro la diffusione dei dati degli indagati per le violenze in carcere

E sulla medesima questione della pubblicazione dei dati sensibili degli indagati è intervenuta anche la ministra della Giustizia Marta Cartabia che in giornata si è confrontata telefonicamente con il presidente dell’Ordine dei giornalisti, Carlo Verna. Il presidente dell’Odg, dopo il colloquio telefonico con la titolare del dicastero di Via Arenula, ha sottolineato come in una vicenda simile sia necessario «ricordare che un conto sono i fatti complessivamente percepiti, un altro le responsabilità penali individuali tutte da accertare», che «sulla base della nostra carta fondamentale sottoposte al principio di non colpevolezza». Verna ha precisato che la «divulgazione in questa fase di volti e nomi, oltre a poter costituire violazione delle nostre norme deontologiche, può esporre anche a rischi personali agenti penitenziari che potrebbero risultare peraltro estranei alla vicenda». E dopo aver fatto appello alla «responsabilità» il presidente dell’Odg ha chiosato: «La cronaca si deve fare senza mai che tracimi in gogna, questo anche distingue il giornalismo professionale dalle invettive dei social». 


Foto in copertina: ANSA / CESARE ABBATE

Leggi anche:

Leave a Reply