Acqua

Quanto di più da conoscere per migliorare la vita

“proprio-da-lei-non-me-l’aspettavo…”-la-confessione-di-albano-sulla-figlia-jasmine.
Albano non si aspettava che, durante la loro avventura a “The Voice Senior” potessero andare così d’accordo.
“Proprio da lei non me l’aspettavo…” La confessione di Albano sulla figlia Jasmine.

Il programma The Voice Senior sta ottenendo ottimi risultati e a fare la sua fortuna, oltre ai bravissimi concorrenti, è anche la partecipazione di giudici d’eccezione. Oltre a Loredana Bertè, Gigi D’Alessio e Cementino, sulle sedie girevoli sono seduti anche Albano e la figlia Jasmine Carrisi.

Il successo di Jasmine

Nonostante le polemiche iniziali, dovute alla partecipazione della figlia di Albano come giudice del contest, Jasmine sta portando una ventata di novità; lei ed il padre hanno gusti diametralmente opposti, ma all’interno del programma stanno convivendo in maniera inaspettata.

La bella figlia di Loredana Lecciso, infatti, pensava ci sarebbero stati maggiori conflitti con il padre; Albano, tradizionalista e amante della musica italiana, e Jasmine, innovativa ed al passo con i tempi, promettevano scintille.

L’inaspettata alchimia musicale con il padre

Tuttavia, nonostante le aspettative, Albano e Jasmine hanno una bella alchimia e il rapporto tra i due è stabile e per nulla scontato.

In una recente intervista, la giovane ha raccontato quello che sta provando a seguito di questo successo inaspettato:


Mi aspettavo più conflitto. Nelle scelte andiamo molto d’accordo. Abbiamo gli stessi gusti.. all’inizio è stata dura vedermi in mezzo a persone già affermate, personaggi importanti, mi ha messo un’attimo in difficoltà. Però è un’esperienza bellissima, molto emozionante e poi sono contentissima di dare l’opinione dei giovani, che spesso non viene presa in considerazione.

Al di fuori dei riflettori, la giovane ha detto di avere diversi battibecchi con il padre, ma a The Voice Senior sembrano aver trovato il giusto compromesso.

Pensavo avremmo litigato di più!

Nella vita quotidiana ci pizzichiamo molto ma tra noi c’è molta intesa, come dimostriamo sulla poltrona dei coach.

Jasmine è molto felice di poter partecipare al programma nella veste di coach e, a questo proposito, ha voluto precisare che lei si trova lì solo per dare un’opinione e non certo un giudizio sulle performance:

Onestamente mi fa più arrabbiare che dicano che non ho le capacità per giudicare i concorrenti. In realtà ci tengo a specificare che io non giudico la performance, ma do un punto di vista giovanile, che è una cosa bellissima. Rappresento un po’ la parte giovane, i miei coetanei.

Lascia un commento