Per lo spot sui ristori la Lombardia sceglie Massimo Boldi che sul Covid disse: “Vogliono terrorizzarci, mascherine per tappare la bocca”

Posted On By admin
per-lo-spot-sui-ristori-la-lombardia-sceglie-massimo-boldi-che-sul-covid-disse:-“vogliono-terrorizzarci,-mascherine-per-tappare-la-bocca”

Per lo spot che sponsorizza ulteriori fondi per le categorie escluse dal cosiddetto decreto Ristori del governo, la regione Lombardia sceglie lo “scettico” Massimo Boldi. Nel video pubblicato dal Pirellone, l’attore riprende una scena del film “Eccezzziunale veramente”, con la battuta: “Lo so, lo so, non lo sapessi, ma lo so”. Con tanto di invito a resistere dedicato ai suoi “cipollini lombardi”. Quest’estate però lo stesso attore era finito in mezzo alle polemiche per un post definito da tutti “negazionista”, cancellato poco dopo dalla pagina Facebook di Boldi: “‘Stiamo vivendo un mondo che non va per niente bene. I potenti padroni del pianeta hanno dichiarato guerra a se stessi, non importa cosa è accaduto, non basta, vogliono terrorizzare il mondo ancor di più mari, monti, regioni, stati. Il popolo ha paura, teme la fine di un mondo a loro perfetto così come l’hanno conosciuto, non vogliono tapparsi la bocca con mascherine da Pecos Bill”, aveva scritto. In un’intervista a Repubblica però, Boldi aveva respinto le accuse di negazionismo definendosi piuttosto “scettico”, affermando di volere “risposte certe che non arrivano”.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola – Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!


Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Batterio-killer tra i neonati, il primario: “Direzione sanitaria sapeva dal 2019”. La madre di una vittima: “Scaricabarile”

next


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *