Acqua

Quanto di più da conoscere per migliorare la vita

paolo-rossi,-eroe-ed-eterno-ragazzo-come-noi

Mi succede sempre, ultimamente anche troppo spesso purtroppo. Alla notizia della scomparsa di un personaggio noto, amato e ammirato soprattutto, prima ancora di andare a leggere il “come e perché”, la mente elabora un fotogramma. Il frammento che l’inconscio associa alla sua figura, che lo lega a te.

Paolo Rossi se n’è andato nella serata di ieri e quel frammento è una stella a tre punte, la tripletta che stese il Brasile al “Mundial” del 1982. Tutta insieme, perché in tutte e tre le reti c’è Paolo Rossi. Opportunismo, furbizia e quel pizzico di magia che lui stesso ha più volte benedetto: “Ci sono dei periodi in cui è come fossi baciato dalla buona sorte. Da un giorno all’altro lì, per me è cambiato tutto”.

Cambiò il destino degli Azzurri e dell’Italia intera che diventò Campione del Mondo, tutta, assieme ai compagni di squadra che per una volta non fu esagerato chiamare eroi. Pensate agli episodi che oggi rivivremo nel ricordo di uno dei suoi protagonisti principali. In campo, sugli spalti, sull’aereo di ritorno, in ogni piazza. Fu epica, ed essa si sa, appartiene agli eroi e ai popoli.

Il mio frammento conserva anche l’esultanza, quella corsa pacata ma con le braccia tese e i pugni stretti, a scaricare la tensione, a stringere forte il sogno che, incredulo lui per primo, stava vivendo dopo l’incubo dello scandalo scommesse del 1980. Una pagina brutta del calcio italiano che sfiorò “Pablito”, innocente, ma che aveva rischiato di macchiare quel sorriso pieno e spegnere la luce di quegli occhi vispi.

Gli saremo riconoscenti, come fu lui al funerale del ct Enzo Bearzot: “Io a lui devo tutto, senza di lui non avrei fatto quel che ho fatto. Era una persona di una onestà incredibile e un tecnico di grande spessore. Incarnava la figura dell’italiano popolare, e anche se non è stato uno scienziato o un artista, rimarrà nella storia dei nostri grandi del secolo scorso”. Potremmo adattare l’ultima frase al suo, di ricordo, perché rimarrà, perché davvero come canta Antonello Venditti: “Paolo Rossi era un ragazzo come noi”.

Il Fatto di Domani – Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!


Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Paolo Rossi morto, quando il campione ricordava il “travolgente” Mondiale del 1982

next


Lascia un commento