Omicidio a Casale Monferrato, uomo di 43 anni uccide il marito con 30 coltellate. Dopo 48 ore chiama la polizia e confessa: arrestato

omicidio-a-casale-monferrato,-uomo-di-43-anni-uccide-il-marito-con-30-coltellate.-dopo-48-ore-chiama-la-polizia-e-confessa:-arrestato

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, l’assassinio è avvenuto dopo un forte litigio. Il reo confesso ha chiamato la polizia dopo due giorni chiedendo aiuto: “Venite, ho ucciso mio marito”

| 29 Ottobre 2020

Trenta coltellate inferte con un coltello da cucina su tutto il corpo. Così Luca Meloni, 43 anni originario di Cagliari, ha ucciso suo marito, Fabio Spiga, con il quale era sposato civilmente dal 2017. Il delitto è avvenuto nella serata di lunedì 26 ottobre a Casale Monferrato, in provincia di Alessandria, dove la coppia abitavain un alloggio al primo piano di via Caccia 104. La polizia ha scoperto il delitto solamente due giorni dopo, allertata direttamente da Meloni, che ha confessato il crimine: “Venite, ho ucciso mio marito”, ha detto agli agenti del 112. Al termine di un lungo interrogatorio Meloni, reo confesso, è stato arrestato e si trova ora nel carcere di Vercelli.

Secondo quanto ricostruito dagli investigatori, lunedì sera Meloni era uscito di casa dopo un litigio per distrarsi e si era fermato in un bar per incontrare alcuni amici. Al suo rientro, intorno alle 22, la discussione era ricominciata, tra accuse e insulti, fino a quando Meloni ha preso un coltello da cucina e si è scagliato contro il marito, uccidendolo con trenta coltellate su tutto il corpo.

Dopo il crimine, l’omicida ha incontrato gli amici e ha trascorso la notte a casa di uno di questi. Il giorno dopo ha alternato ore in casa e fuori, fino alla mattina del 28 ottobre quando ha chiamato la polizia e ha deciso di confessare. Gli agenti, una volta sul posto, lo hanno trovato in forte stato di agitazione nell’appartamento. Il cadavere del marito era in una pozza di sangue in camera da letto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!


Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Rimini, uccide la moglie a martellate e poi chiama il 112: ha confessato

next