Acqua

Quanto di più da conoscere per migliorare la vita

​mons.-shaw:-essere-messaggeri-di-speranza-durante-la-pandemia

L’arcivescovo di Lahore esorta a celebrare il Natale durante la pandemia in modo molto semplice. I martedì siano giorni speciali di rafforzamento spirituale e della fede. Il primo martedì sia di preghiera, il secondo di penitenza e il terzo di elemosina.

Lahore (AsiaNews) – L’arcivescovo Sebastian Shaw dell’arcidiocesi di Lahore (nella foto), ha chiesto a tutti i fedeli di salvare se stessi e gli altri dalla seconda ondata di Covid-19 e seguire le istruzioni del governo pakistano. Ha anche dato la priorità a due cose nel suo messaggio e ha detto che dobbiamo “salvare l’umanità e salvare la fede” soprattutto in questi giorni di pandemia.

Mons. Shaw ha anche sottolineato che quest’anno il Natale va celebrato con grande zelo spirituale in modo molto semplice e andando in chiesa si devono seguire tutte le prescrizioni: è obbligatorio indossare mascherine e sedersi a distanza sociale.

Bisogna poi rendere ogni martedì un giorno speciale di rafforzamento spirituale e della fede. Primo martedì come giorno di preghiera: Il primo martedì, 8 dicembre, è stata una “Giornata di preghiera”, in cui si è celebrata “La festa dell’Immacolata Concezione di Madre Maria”. In questo giorno prega Maria e chiedile che come ha aiutato la famiglia a Cana, alle nozze, possa aiutarci allo stesso modo in modo che possiamo essere salvati da questa pandemia.

Walter Shalim, uno dei giovani di Lahore ha detto che, seguendo il messaggio dell’arcivescovo di Lahore, tutte le parrocchie avevano organizzato speciali servizi di preghiera, pregato gli uni per gli altri e per tutti in Pakistan e nel mondo.

Secondo martedì come giorno di penitenza L’arcivescovo Shaw ha indicato il secondo martedì, 15 dicembre, come “giorno di penitenza” in cui tutti sono invitati a pregare e digiunare. Ha anche detto che dobbiamo chiedere la liberazione dai nostri peccati in modo che possiamo avere la misericordia di Dio.

Il terzo martedì come giorno di elemosina Il terzo martedì 22 dicembre è il “Giorno dell’elemosina” in cui le persone sono invitate ad aiutare quelli che sono intorno a te e in particolare coloro che sono stati colpiti dal Covid-19 perdendo il lavoro o per motivi economici non sono in grado di celebrare il Natale.

L’arcivescovo Shaw ha anche insistito nel suo messaggio che si seguano le istruzioni dell’Organizzazione mondiale della sanità e del governo, non si esca di casa senza avere un valido motivo. Ha inoltre sottolineato che tutti dovrebbero indossare una mascherina e quando tornano a casa devono lavarsi le mani e usare Sanitizer. Ha anche benedetto i fedeli e ha detto: “Possa Dio proteggere voi, la vostra famiglia e il nostro Paese, il Pakistan, da questo COVID-19 e salvarvi da tutte le difficoltà in modo che possiate tutti celebrare il periodo natalizio.

Lascia un commento