Acqua

Quanto di più da conoscere per migliorare la vita

missione-luna,-selezionati-dalla-nasa-i-primi-18-astronauti:-la-meta-sono-donne.-anche-kock-e-meir-le-prime-a-passeggiare-nello-spazio

Al gruppo, ha precisato la Nasa, potranno aggiungersi astronauti di altre agenzie spaziali partner del programma Artemis

| 11 Dicembre 2020

Pronti, partenza, via. O quasi. Sono stati però selezionati dalla Nasa 18 astronauti per il programma Artemis promosso dall’agenzia spaziale americana per riportare gli astronauti sulla Luna nel 2024. Mentre la data di una futura missione su Marte è ancora incerta, il programma per l’esplorazione lunare si prepara a partire già dal 2021 e la prima donna e il prossimo uomo a camminare sulla Luna sono fra i 18 appena scelti. Hanno fra 30 e 55 anni, per metà sono donne, comprese Christina Koch e Jessica Meir, le protagoniste della prima passeggiata spaziale al femminile. Dei 18, inoltre, la metà sono veterani, come Joe Acaba e Stephanie Wilson, che hanno volato sullo Space Shuttle, o Kate Rubins e Victor Glover, che attualmente sono a bordo della Stazione Spaziale. L’altra metà non ha mai volato. Al gruppo, ha precisato la Nasa, potranno aggiungersi astronauti di altre agenzie spaziali partner del programma Artemis.

Mentre i primi astronauti diretti alla Luna si preparano ad affrontare l’addestramento, la Nasa è in dirittura d’arrivo per il primo del test dello Space Launch System (Sls), il nuovo potente razzo progettato per le missioni lunari. Se il test andrà bene, il razzo potrebbe essere trasferito in Florida, nel Kennedy Space Center a Cape Canaveral in vista del primo volo senza equipaggio. Nel frattempo la SpaceX sta gettando le basi per i futuri viaggi di astronauti verso Marte e il primo passo sono stati i sette minuti scarsi del primo test in volo della Starship: tutto è andato bene fino a un passo dall’atterraggio, quando la pressione troppo bassa nel serbatoio non ha consentito di ridurre la velocità come sarebbe stato necessario, con un impatto violento che provocato l’esplosione del veicolo. Il test è stato comunque sufficiente a raccogliere dati utili, tanto da spingere Musk a twittare “Marte, arriviamo!”. Progettata per decollare e atterrare verticalmente, la Starship si basa su un sistema completamente riutilizzabile, composto da un razzo e da una capsula per l’equipaggio.

Fatto for future – Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!


Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Covid, chiariamo una cosa: chiudere le scuole non serve a controllare la pandemia

next


Lascia un commento