Mercedes, la carica degli sport utility. E il futuro prossimo si chiama elettrificazione

mercedes,-la-carica-degli-sport-utility.-e-il-futuro-prossimo-si-chiama-elettrificazione

Quasi 50 anni fa nacque la prima ruote alte della Stella: la Classe G. Da allora, un crescendo di modelli per tutti i gusti e di tutte le taglie, che sono arrivati a pesare per il 35% delle vendite totali. La nuova frontiera si chiama mobilità a elettroni

Era il 1972 quando nel firmamento Mercedes si accese una nuova ed importante stella, quella della “G”, l’auto capace di districarsi in ogni situazione. Dal ’72 al ’97 rimase l’unico suv nella gamma di Stoccarda fino allo sbarco dell’ML, che con il passare del tempo ha visto cambiare la lettera M della sigla con la G.

Da un solo “astro” si passava a una piccola costellazione di vetture, tutte con la medesima genesi: la “G”, per una gamma che è cresciuta con il tempo. Oggi infatti si parte dalla “piccola” GLA e si sale con la GLB, GLC, GLE, GLS e EQC; dal citysuv all’ammiraglia, per tutti gli usi e per tutte le tasche. Nove modelli, dalle carrozzerie classic suv e coupè, due o quattro ruote motrici, motori termici da 4 a 8 cilindri benzina, diesel, idrogeno, ibrido, plug in hybrid e full electric e un listino che parte dai 37 mila fino a superare i 180 mila euro con il prezioso allestimento della G63 AMG.

Col crescere dei modelli, man mano è cresciuto anche il peso delle loro vendite su totale: si è passato in pochi anni da un 5 ad un 35 per cento, e si è scoperta anche l’elettrificazione. La sfida al mercato che oggi vede sette modelli con propulsori a benzina e diesel “con la spina”, nel 2021 virerà verso motorizzazioni ancora più rispettose dell’ambiente con la famiglia EQ, con l’arrivo in gamma dell’ EQA ed EQB in affiancamento all’attuale EQC e in attesa del monovolume EQV e di quella che sarà l’ammiraglia del domani: la EQS. Il programma “suv attack” è stato tracciato e per il 2030 la Casa di Stoccarda proporrà una gamma ancora più completa con ben 20 modelli elettrici e 25 ibridi plug-in con una quota di auto elettrificate vendute pari al 50% dell’intera produzione.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!


Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it