Open

Mafia, dopo 25 anni torna libero il boss Giovanni Brusca. È stato uno dei responsabili della strage di Capaci

, Author

29 anni e una manciata di giorni. È questo il tempo trascorso dal 23 maggio del 1992, quando il giudice Giovanni Falcone e altre quattro persone sono stati uccisi nella strage di Capaci da una bomba composta da 500 kg di tritolo. Uno dei boss di Cosa Nostra che hanno partecipato a questo attentato è stato Giovanni Brusca, all’epoca fedelissimo di Totò Riina. Oggi, come annuncia il settimanale L’Espresso, Brusca e tornato in libertà. Dopo 25 anni di carcere ha lasciato il penitenziario di Rebibbia, a Roma. 45 giorni prima della scadenza della condanna. Ora lo aspettano altri quattro anni di libertà vigilata. Brusca è diventato un collaboratore di giustizia e oltre al suo ruolo nella strage di Capaci ha ammesso anche le sue responsabilità nell’uccisione di Giuseppe Di Matteo, un bambino di 13 anni.


Una delle prime voci a commentare la notizia è quella di Maria Falcone, la sorella del giudice ucciso nella strage di Capaci: «Umanamente è una notizia che mi addolora, ma questa è la legge, una legge che peraltro ha voluto mio fratello e quindi va rispettata. Mi auguro solo che magistratura e le forze dell’ordine vigilino con estrema attenzione in modo da scongiurare il pericolo che torni a delinquere». Maria Falcone ha poi messo sollevato l’attenzione sul patrimonio di Brusca, un patrimonio che potrebbe non essere stato ancora svelato del tutto: «La stessa magistratura in più occasioni ha espresso dubbi sulla completezza delle sue rivelazioni, soprattutto quelle relative al patrimonio che, probabilmente, non è stato tutto confiscato».


Leggi anche:

Leave a Reply