Acqua

Quanto di più da conoscere per migliorare la vita

incidente-per-valerio-staffelli,-investito-da-un-taxi-in-centro-a-milano.-l’inviato-di-striscia-stava-consegnando-il-tapiro-a-roberto-bolle

Secondo quanto si è appreso, l’etoile della Scala si trovava a bordo del veicolo. Staffelli non ha riportato traumi gravi e dopo aver ricevuto i primi soccorsi sul posto è stato portato in ospedale Gaetano Pini dall’ambulanza in codice verde

| 10 Dicembre 2020

Valerio Staffelli, l’inviato di Striscia la Notizia, è stato investito da un taxi in centro a Milano nel pomeriggio del 10 dicembre. L’incidente è accaduto in piazza Santa Maria Beltrade, vicino alla centrale via Torino. Secondo quanto si è appreso, Staffelli è stato investito mentre stava cercando di consegnare il ‘Tapiro d’Oro’ all’etoile della Scala Roberto Bolle, che si trovava sul taxi. L’inviato non ha riportato traumi gravi e dopo aver ricevuto i primi soccorsi sul posto è stato portato in ospedale Gaetano Pini dall’ambulanza in codice verde. Sul posto anche una pattuglia della polizia per accertare la dinamica dei fatti.

La redazione di Striscia fa sapere che il Tapiro era destinato a Bolle perché il “balletto del 7 dicembre trasmesso su Rai Uno in occasione della riapertura della Scala, spacciato per inedito, altro non sarebbe che il rimontaggio di una precedente esibizione registrata a New York”. Staffelli ha intercettato Bolle fuori dagli studi Rai e, “dopo un primo rifiuto del ballerino di concedersi alle telecamere del tg satirico, lo ha seguito fino all’ingresso della sua abitazione”. È qui che il taxi, “probabilmente nel tentativo di accompagnare l’attapirato passeggero fino all’ingresso del portone”, si legge nel comunicato del programma, avrebbe investito Staffelli.

Il Fatto di Domani – Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!


Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Le notizie diventano audio-spettacolo: “Sul Filo”, il podcast dei Filodrammatici di Milano che “riapre” il teatro chiuso per la pandemia

next


Lascia un commento