Il Sole resterà ancora in Confindustria, Bonomi: “Il giornale non è in vendita, ho fatto un esposto in Consob sulle indiscrezioni”

Posted On By admin
il-sole-restera-ancora-in-confindustria,-bonomi:-“il-giornale-non-e-in-vendita,-ho-fatto-un-esposto-in-consob-sulle-indiscrezioni”

Il numero uno degli industriali dopo i rumor sulla cessione agli Agnelli: “Il quotidiano un patrimonio dell’Italia, non di Confindustria”

| 25 Ottobre 2020

Il Sole 24 ore non è in vendita. Dieci giorni fa ho presentato, sulla scorta delle voci che stavano uscendo, un esposto a Consob. A dimostrazione che noi non vogliamo vendere. Poi come azionista di maggioranza mi aspetto che il cda faccia un piano anche a breve di rilancio della testata“. Il presidente di Confindustria, Carlo Bonomi, ha così smentito davanti alle telecamere di Mezz’ora in più le notizie sull’imminente cessione del quotidiano economico che secondo il numero uno degli industriali “è un patrimonio dell’Italia, non è un patrimonio di Confindustria”.

La smentita arriva dopo settimane di un nuovo ciclo di indiscrezioni circa trattative in corso per la cessione del quotidiano che, in particolare in questa ultima puntata, è stato ritenuto nel mirino della finanziaria della famiglia Agnelli, Exor, che in Italia tramite Gedi è editrice di Repubblica, Stampa, Secolo XIX, Espresso e di quel che resta dei quotidiani Finegil, mentre in Europa è il primo azionista dell’Economist.

A dare fiato alle indiscrezioni, era stata la cessione a inizio autunno, di un pacchetto di quotidiani locali come Il Tirreno che sono usciti dal perimetro di Gedi, abbassando il peso di Exor nell’editoria di giornali. Sullo sfondo lo scontento di Bonomi e degli industriali per lo stato di salute del Sole a valle dello scandalo delle copie gonfiate sotto la direzione di Roberto Napoletano. Evidentemente, però, per viale dell’Astronomia il gioco vale ancora la candela.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!


Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Calabria, il corto con Raoul Bova soffre di stereotipi. Ma Muccino non è Pasolini

next


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *