Il ristorante di Montecitorio vuole riaprire per cena dopo le 18 e invita i parlamentari con un sms. Ma il presidente Fico lo chiude

Posted On By admin
il-ristorante-di-montecitorio-vuole-riaprire-per-cena-dopo-le-18-e-invita-i-parlamentari-con-un-sms.-ma-il-presidente-fico-lo-chiude

La sala aveva annunciato la riapertura per stasera, dalle 19 alle 21. Ma non appena il presidente della Camera ha appreso la notizia, ne ha decretato la chiusura

| 27 Ottobre 2020

Il ristorante della Camera prova ad aggirare le restrizioni sugli orari imposte dal nuovo Dpcm. Se tra le nuove regole varate dal governo c’è la chiusura di tutti i ristoranti, bar e pasticcerie alle 18, la sala ristorazione di Montecitorio aveva annunciato la sua riapertura per stasera. Ma non appena il presidente della Camera Roberto Fico ha appreso la notizia, ne ha decretato la chiusura: le regole valgono per tutti, fuori e dentro i Palazzi.

I deputati erano stati avvisati con un sms: “Dal lunedì al giovedì, presso i locali della ristorazione al piano Aula avrà luogo un servizio mensa con orario 19-21. Il servizio è attivo da oggi, 27 ottobre“. Fino a oggi, per le misure anti-covid, era stato lasciato aperto solo il servizio d’asporto per i cibi. L’intenzione era riaprire due sale su tre, permettendo a massimo 40 deputati di entrare per rispettare il distanziamento.

Durante l’esame del ddl omofobia, il presidente Fico aveva ribadito che “il ristorante dei deputati non è in funzione, la sera è chiuso”, a chi lo aveva interpellato sul tema. Ma quando ha appreso dell’effettivo prolungamento serale del servizio mensa a Montecitorio, Fico, d’intesa con i questori, ne ha deciso la chiusura.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!


Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Decreto Ristori, Conte: “Vale oltre 5 miliardi”. Gualtieri: “Per i piccoli ristoranti contributo medio di 5.173 euro, per i grandi 25mila”

next


Articolo Successivo

Decreto Ristori, Gualtieri: “Da 5mila a 25mila euro per i ristoranti e fino a 30mila euro per teatri e sale da concerti”

next


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *