Il liceo milanese che voleva riportare tutti in classe torna a distanza: “Ci siamo illusi. Noi abbiamo fatto la nostra parte, ma Regione e trasporti no”

Posted On By admin
il-liceo-milanese-che-voleva-riportare-tutti-in-classe-torna-a-distanza:-“ci-siamo-illusi.-noi-abbiamo-fatto-la-nostra-parte,-ma-regione-e-trasporti-no”


Scuola – 29 Ottobre 2020

| 29 Ottobre 2020

“Abbiamo perso due mesi per preparare il ritorno a scuola. Se solo altri settori come quello dei trasporti avessero fatto come noi, probabilmente ce l’avremmo fatta meglio, questa è la mia illusione”. Giovanna Mezzatesta è la preside del Liceo Scientifico Bottoni di Milano. Dopo aver lavorato tutta l’estate insieme ai suoi collaboratori per riaprire la scuola in presenza ha dovuto fare retromarcia per osservare le indicazioni dell’ordinanza regionale. Così da lunedì, tutti i 750 studenti del liceo seguono le lezioni da casa. Le aule con i banchi appena acquistati sono rimaste vuote e i docenti possono scegliere se fare le video lezioni dalle aule o da casa: “Abbiamo lasciato loro la libertà di scegliere innanzitutto perché la nostra scuola non reggerebbe trenta connessioni in contemporanea”. I soldi che sono arrivati sono stati spesi per favorire la didattica in presenza e non per la didattica a distanza. “E poi c’è una questione di tutela della salute dei professori” spiega la preside che negli scorsi giorni ha scritto una lettera ai suoi studenti invitandoli a “non credere ai proclami di chi dichiara di volere garantire il diritto allo studio, ma di guardare i fatti”. Intanto il Consiglio d’Istituto ha approvato una mozione per chiedere “rispetto per la scuola” al mondo politico e istituzionale.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!


Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Didattica a distanza, ho aspettato a dire la mia ma è come l’anno scorso: orribile

next


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *