Il Cile cancella la costituzione di Pinochet, il sì al referendum trionfa col 78% dei voti

Posted On By admin
il-cile-cancella-la-costituzione-di-pinochet,-il-si-al-referendum-trionfa-col-78%-dei-voti

La svolta storica

Carmine Di Niro — 26 Ottobre 2020

Il Cile cancella la costituzione di Pinochet, il sì al referendum trionfa col 78% dei voti” title=”Il Cile cancella la costituzione di Pinochet, il sì al referendum trionfa col 78% dei voti” width=”900″>

Vittoria a larghissima maggioranza per il sì alla riforma costituzionale in Cile che passa con il 78%. Secondo i dati riportati dalla stampa locale e confermati dall’autorità elettorale, al 99.66% dei seggi scrutinati in tutto il Paese, il sì ha ottenuto il 78,28% dei voti con un’affluenza ai seggi pari al 50,83%. Il Paese ha dunque votato per cambiare la costituzione dell’era Pinochet in un referendum che è stato concesso dal governo dopo le proteste dello scorso anno.

Alla domanda “Quiere usted una Nueva Constitución?”,  ovvero “Vuole una nuova Costituzione?”, più dei tre quarti degli elettori hanno risposto “apruebo”, “approvo”.

Con una vasta maggioranza del 79,24% i cileni hanno inoltre deciso che il lavoro di riscrittura della costituzione sarà realizzato da una Assemblea costituente composta al 100% da persone scelte attraverso un voto popolare. Soltanto il 21% degli elettori ha infatti scelto l’altra opzione, ovvero un organismo formato al 50% da parlamentari e dall’altro 50% da persone scelte attraverso una elezione

I futuri 155 membri dell’Assemblea costituente saranno scelti in occasione delle prossime elezioni amministrative dell’11 aprile 2021, sulla base di un criterio di parità di genere e con una rappresentanza di delegati delle popolazioni indigene. Il lavoro dell’Assemblea, che sarà sottoposto ad un referendum di ratifica popolare nel secondo semestre del 2022, inizierà a maggio 2021.

Grande soddisfazione è stata espressa dal presidente cileno Sebastina Pinera. La nuova costituzione dovrà essere “una casa per tutti”, ha detto Pinera, un testo che dovrà incorporare “l’eredità delle generazioni passate, la volontà delle generazioni presenti e le speranze delle generazioni a venire”. “Questo referendum non è la fine, è l’inizio di una strada che dobbiamo percorrere verso una nuova costituzione”, ha aggiunto il presidente cileno.

[VIVO] Nuestra democracia se fortaleció gracias a la participación ciudadana. Hoy nuestro deber será seguir construyendo un país mejor https://t.co/Uh2VaPiPke

— Sebastian Piñera (@sebastianpinera) October 26, 2020

Dall’Italia è arrivato il commento della vice ministra degli esteri Marina Sereni, che ha ricordato la “larghissima vittoria dell’Apruebo per scrivere una nuova Costituzione”.

© Riproduzione riservata

Contenuti sponsorizzati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *