Open

I numeri in chiaro, Taliani: «Ora andrei volentieri in un ristorante al chiuso. Non c’è nessun rischio» – Il video

, Author

«Il trend è ancora in diminuzione, i dati di oggi sono confortanti. Molto consistente è la riduzione dei pazienti in isolamento domiciliare che sono 5.856 in meno rispetto a ieri, più di 9 mila i guariti e i dimessi». A parlare a Open è la professoressa di Malattie infettive dell’università La Sapienza di Roma Gloria Taliani. I dati di oggi, 17 maggio, parlano di 140 decessi da Covid, 3.455 contagi in 24 ore, un calo dei ricoveri e un lieve aumento degli ingressi giornalieri in terapia intensiva. Sale, intanto, dello 0,1% il tasso di positività. La professoressa parla di dati «rassicuranti anche alla luce delle ultime riaperture». E di quelle che verranno nei prossimi giorni.


Abolizione del coprifuoco e nuove riaperture

A proposito dell’abolizione graduale del coprifuoco e delle prossime riaperture disposte dal Governo Draghi, ha detto: «Non sono affatto preoccupata, questo allentamento era opportuno e necessario. Non porterà a variazioni significative nelle prossime settimane. In Spagna, ad esempio, esiste già questo allentamento delle misure restrittive, hanno già consumato i pasti senza che questo abbia comportato un incremento dei casi. Mi sento, dunque, di essere ottimista anche perché siamo tutti molto stanchi».


Via libera ai ristoranti al chiuso

Taliani spiega anche che non avrà problemi ad entrare in un ristorante al chiuso la sera: «Andrei volentieri, lo riterrei una conquista. Con le dovute distanze questa sarà un’azione che non comporterà rischi aggiuntivi. In questo periodo, tra l’altro, essendo parte della task force della Protezione civile e dunque vivendo da più di un anno in albergo, ho consumato i pasti in hotel, in una stanza chiusa. Tutto in sicurezza, dal momento che non ho mai contratto il Covid».

Foto in copertina di Vincenzo Monaco per OPEN

Leggi anche:

Leave a Reply