Open

I Maneskin stregano anche l’America. Il «New York Times»: «Dopo l’Eurovision, conquisteranno il mondo?»

, Author

Dalla vittoria di Sanremo 2021, al trionfo all’Eurovision fino alle pagine del prestigioso New York Times. Un periodo d’oro quello che stanno vivendo i Maneskin, band rock romana nata a X Factor, che sta scalando le classifiche con Zitti e Buoni. Il Nty gli ha dedicato un approfondimento firmato da Elisabetta Povoledo: «Hanno vinto l’Eurovision. Riusciranno a conquistare il mondo?». Secondo la testata i membri della band capitanata da Damiano David «vogliono diventare una rara storia di successo dell’Eurovision a lungo termine». L’Eurovision, scrive il New York Times, ha consacrato il gruppo rock che fino ad allora era poco conosciuto fuori dall’Italia, catapultandolo di fronte a 180 milioni di spettatori da tutto il mondo e portando la loro Zitti e Buoni nella Top 10 globale di Spotify, la prima volta per una band italiana.


Più ascoltati dei Foo Fighters

«A oggi», scrive il quotidiano, «la canzone è stata in streaming su Spotify per oltre cento milioni di volte. Con oltre 18 milioni di ascoltatori la scorsa settimana, i Maneskin hanno fatto meglio dei Foo Fighters o di Kings of Leon nello stesso periodo». Il Nyt ha anche aggiunto che molto spesso gli artisti che partecipano all’Eurovision scompaiono dalla scena appena dopo la partecipazione, in controtendenza invece i Maneskin stanno costruendo sulla fama guadagnata e hanno ottenuto interesse nazionale diventano una rara storia di successo a lungo termine della competizione. Nell’articolo si sottolinea anche il forte carisma della rock band durante le esibizioni live: grazie al loro look androgino, con tacchi alti, smalto nero, il trucco scuro sugli occhi, Damiano David, Victoria De Angelis, Thomas Raggi e Ethan Torchio, infrangono stereotipi e barriere di genere.


Leggi anche:

Leave a Reply