Germania, lockdown per 4 settimane ma scuole aperte. Merkel: “Dobbiamo agire adesso”

germania,-lockdown-per-4-settimane-ma-scuole-aperte.-merkel:-“dobbiamo-agire-adesso”

La decisione

Rossella Grasso — 28 Ottobre 2020

German Chancellor Angela Merkel (CDU) takes off her mask after a press conference at the Chancellery in Berlin, Wednesday, Oct. 28, 2020. Merkel is pressing for a partial lockdown as the number of newly recorded infections in the country hit another record high Wednesday. (Fabrizio Bensch/pool photo via AP)
German Chancellor Angela Merkel (CDU) takes off her mask after a press conference at the Chancellery in Berlin, Wednesday, Oct. 28, 2020. Merkel is pressing for a partial lockdown as the number of newly recorded infections in the country hit another record high Wednesday. (Fabrizio Bensch/pool photo via AP)

La pandemia si sta abbattendo sull’Europa in maniera drammatica. E le nazioni a una ad una stanno ricorrendo a strette sempre più severe per limitare i contagi. Tocca anche alla Germania dove ieri i nuovi casi sono stati quasi 15 mila, il dato più alto dall’inizio della pandemia. Per questo motivo la cancelliera Angela Merkel ha annunciato un nuovo lockdown di 4 settimane a partire dal 2 novembre in tutta la Germania.

La decisione è stata presa durante il vertice tra il governo federale e i premier dei 16 Lander, in cui Merkel è riuscita a imporre la sua linea dura, varando misure che ha definito “pesanti per l’intero Paese”. “Il nostro sistema sanitario oggi può ancora reggere con questa sfida – ha spiegato Merkel – ma a questo ritmo di nuove infezioni raggiungeremo i limiti delle nostre capacità in poche settimane”.

Dal 2 novembre chiuderanno nuovamente ristoranti, bar, cinema, teatri, sale da concerto, saloni di bellezza, palestre, piscine e bordelli. I gastronomi potranno tuttavia tenere aperto il servizio da asporto. Gli alberghi non potranno più ospitare turisti ma soltanto persone in viaggio per lavoro o affari, mentre il governo sconsiglia fortemente ogni spostamento non urgente o necessario. I contatti privati saranno limitati a 10 persone, appartenenti al massimo a due famiglie, e saranno intensificati i controlli. Sospese le manifestazioni sportive amatoriali. Quelle dei professionisti potranno continuare, ma a porte chiuse a cominciare dalla Bundesliga, dove finora erano ammesse fino a 1000 persone.

Restano invece aperti supermercati, centri commerciali e negozi al dettaglio, sempre con ingressi contingentati. Aperte in tutta la Germania anche scuole e asili nido, sempre nel rispetto dei protocolli igienici e di distanziamento stabiliti in estate. “È un giorno difficile per chi ha responsabilità politiche. Ma dobbiamo agire e farlo adesso”, ha detto.

© Riproduzione riservata

Contenuti sponsorizzati