Acqua

Quanto di più da conoscere per migliorare la vita

de-luca,-appello-ai-napoletani-e-attacco-a-de-magistris:-“dal-comune-nemmeno-un-bagno-chimico-riusciamo-ad-avere”

“Città e area metropolitana hanno ancora mille casi al giorno”

Ciro Cuozzo — 11 Dicembre 2020

De Luca, appello ai napoletani e attacco a de Magistris: “Dal Comune nemmeno un bagno chimico riusciamo ad avere”

Natale all’insegna del rigore soprattutto a Napoli e provincia. E’ quanto chiede il governatore Vincenzo De Luca ai cittadini. Nel corso della consueta diretta social del venerdì, il presidente campano ricorda come la città partenopea e la sua area metropolitana sono quelle ancora più problematiche: “Registriamo un migliaio di contagi al giorno, faccio dunque appello al rigore perché in queste zone, così come parte del Casertano, registriamo le punte più alte di contagio”.

Per De Luca poi bisogna fare attenzione anche ai rientri dal centro-nord Italia che ci saranno in prossimità delle festività natalizie: “A partire già da questo weekend (12-13 dicembre) ci saranno controlli alle stazioni dei treni: misureremo almeno la temperatura”.

Poi l’attacco al comune di Napoli “colpevole” di non riuscire a mettere a disposizione nemmeno un bagno chimico a disposizione del campo rom di Scampia dichiarato zona rossa da una settimana per un picco di casi di contagio. “Come Regione Campania, Protezione civile e Asl Napoli 1, ci stiamo sostituendo al Comune di Napoli da cui non riusciamo ad avere nemmeno un bagno chimico. Anche un comune di mille abitanti, quando c’è un evento grave, riesce a mettere un bagno chimico, qui invece se non c’è la Regione non si fa niente. Stiamo provando a spegnere questo focolaio come abbiamo fatto in altre zone”.

De Luca fa poi un accenno alla situazione contagio in Campania. Pur senza fornire i dati odierni (11 dicembre), sottolinea come nelle terapie intensive sono attualmente ricoverate “140 persone con zero nuovi ingressi rispetto a ieri”. Ricorda, come già accaduto la scorsa settimana, che gli ospedali campani hanno fornito assistenza con posti letto di degenza a tutti i covid-positivi, “senza aprire chiese, palestre, sagrestie o piazzare materassini per terra”.

© Riproduzione riservata

Contenuti sponsorizzati

Lascia un commento