Coronavirus, Arcuri: “Se curva non si raffredda nessun sistema può reggere. Muoviamoci tutti il meno possibile”

coronavirus,-arcuri:-“se-curva-non-si-raffredda-nessun-sistema-puo-reggere.-muoviamoci-tutti-il-meno-possibile”

”Se la curva non si raffredda con questi numeri nessun sistema sanitario, tantomeno quello italiano, sarebbe capace di reggere”. Lo ha detto il commissario per l’emergenza, Domenico Arcuri in conferenza stampa. “Stasera abbiamo circa il 19% dei posti in terapia intensiva occupati da pazienti Covid, rispetto alle dotazioni che abbiamo distribuito alle regioni sono meno della metà: 1600 su 3.300, quindi abbiamo ancora uno spazio di 1.700 posti per non attentare alla dotazione iniziale che pre-esisteva al Covid. E abbiamo altri 1.849 ventilatori pronti ad essere distribuiti”. Dunque – spiega il Commissario straordinario all’emergenza Covid – i posti letto in terapia intensiva attivati o attivabili in pochi giorni sono 10.337, all’inizio dell’epidemia erano 5.179. “Non c’e’ nessun problema di affollamento delle terapie intensive, ma c’è un problema di affollamento degli ospedali”

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!


Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Coronavirus, Arcuri: “Da lunedì 20mila tamponi in più e arriveremo presto a 100mila test rapidi”

next


Articolo Successivo

Coronavirus, la polveriera Napoli: “La densità abitativa e il contagio negli eventi familiari hanno contribuito alla crescita esponenziale”. E si corre al riparo sui posti letto

next