Coronavirus, al Teatro alla Scala di Milano 21 artisti positivi: un corista in ospedale. “Continuiamo a lavorare per la Prima”

Posted On By admin
coronavirus,-al-teatro-alla-scala-di-milano-21-artisti-positivi:-un-corista-in-ospedale.-“continuiamo-a-lavorare-per-la-prima”

Nei prossimi giorni si terrà una riunione per capire come si sono contagiati e se è opportuno rivedere i protocolli. Nel frattempo, proseguono i lavori per la Prima di ‘Lucia di Lammermoor’ del 7 dicembre

| 27 Ottobre 2020

Il coronavirus arriva anche al Teatro alla Scala di Milano. Mentre proseguono i lavori, nonostante la chiusura, per la Prima del 7 dicembre, 21 artisti sono risultati positivi al Covid-19. Sono 18 coristi (9 uomini e 9 donne) e 3 professori d’orchestra. Un membro del coro si trova invece ricoverato in ospedale. Il sovrintendente del Piermarini, Dominique Meyer, ha incontrato i sindacati per affrontare il tema della sospensione delle attività fino al 24 novembre prossimo e per fare il punto sui protocolli messi in atto finora per garantire la sicurezza e la salute dei lavoratori del teatro.

Nei prossimi giorni si terrà una riunione per capire come gli artisti si sono contagiati e se è opportuno rivedere i protocolli. Sono stati effettuati i tamponi a tutti i membri dell’orchestra, compresi gli archi. Il 2 novembre saranno ripetuti i tamponi al coro, il giorno dopo sarà la volta dei fiati.

“Anche se le attività con il pubblico sono sospese – spiega Paolo Puglisi, segretario milanese Slc Cgil – ma il teatro va avanti e continua a lavorare per la Prima di ‘Lucia di Lammermoor’ e per altri spettacoli in calendario per dicembre. Ora siamo in attesa dei prossimi decreti per capire quante risorse saranno messe a disposizione per i lavoratori”.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!


Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Lite tra migranti in un insediamento abusivo in provincia di Foggia: un morto

next


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *