Coronavirus, a Milano bombe carta contro l’auto della polizia: le immagini degli scontri

coronavirus,-a-milano-bombe-carta-contro-l’auto-della-polizia:-le-immagini-degli-scontri


Cronaca – 26 Ottobre 2020

| 26 Ottobre 2020

Momenti di alta tensione, a Milano, durante la manifestazione contro le misure introdotte dal nuovo dpcm. In un video che sta circolando sui social, si vedono alcune persone che in corso Buenos Aires lanciano alcune molotov contro un’auto della polizia locale. Nel corso delle proteste, anche dehors danneggiati, transenne usate per il Giro d’Italia lanciate nelle scale della metropolitana e cassonetti rovesciati. Oltre alle bombe incendiarie, anche insulti e slogan contro il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte.

Memoriale Coronavirus

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!


Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Milano, i liceali del Volta contro l’ordinanza lombarda: “La didattica a distanza totale è ingiusta, perché dobbiamo pagare per tutti?”

next