Acqua

Quanto di più da conoscere per migliorare la vita

brunch,-concerto-e-tampone-rapido-all’ingresso:-l’idea-di-un-teatro-romano-per-aprire-in-sicurezza.-“noi-settore-piu-colpito,-creativita-unica-strada”

Brunch, musica, ma prima tampone rapido per tutti. È l’iniziativa messa in campo dal Teatro Arciliuto, un piccolo e storico teatro a due passi da Piazza Navona, per far fronte alla pandemia e continuare ad aprire le proprie porte. “L’unica cosa che possiamo fare in questo momento è il brunch domenicale con musica di accompagnamento – spiega Giovanni Samaritani proprietario e gestore dell’Arciliuto – abbiamo aggiunto un test all’ingresso un tampone rapido sia per permettere alle persone di esaminarsi sia per far sì che dentro possano stare più libere”. Il Lazio, infatti, si trova in zona gialla dove è possibile tenere aperti bar e ristoranti fino alle 18.

Il meccanismo dell’iniziativa è molto semplice: gli spettatori che hanno prenotato preventivamente, hanno pagato oltre al brunch-concerto anche 11 euro per effettuare il tampone. Il test viene fatto all’ingresso da una dottoressa e, dopo 15 minuti di attesa rigorosamente all’esterno, chi è risultato negativo può entrare. In caso di positività, invece, si torna subito a casa e si informa il medico di famiglia per effettuare un tampone molecolare. “La creatività in questo momento serve per trovare soluzioni visto che siamo il settore più colpito dal Covid – afferma Diana Tejera, cantautrice e animatrice della prima giornata all’Arciliuto assieme alla cantante Angela Baraldi – noi abbiamo cercato un modo di proporre l’arte quanto mai necessario in questo momento”. Il teatro Arciliuto, come molti, era chiuso da marzo scorso e proprio domenica, grazie all’idea del brunch-concerto, ha riaperto le proprie porte al pubblico.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola – Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!


Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Venezia, “la mancata attivazione del Mose può essere danno erariale”: quel parere negativo ignorato sulle paratie alzate con 130 centimetri

next


Lascia un commento