Acqua

Quanto di più da conoscere per migliorare la vita

brigitte-bardot-scrive-al-presidente-provincia-di-trento:-“libera-gli-orsi-a-casteller-o-non-ti-risparmiero”.-lui:-“se-li-ama-venga-a-trovarci”

L’attrice e cantante ha accusato Maurizio Fugatti non solo di star compiendo un’azione disumana, ma anche di approfittare di fondi europei. Il ripopolamento del Trentino con gli orsi fa parte del progetto europeo Life Ursus. Bardot minaccia uno “scandalo globale”: “Non sopporto che questo paese di gioia di vivere e libertà possa comportarsi così selvaggiamente nei confronti di animali considerati jihadisti e rinchiusi in bunker di vergogna, con numeri degni di gulag”

| 11 Dicembre 2020

Attrice, cantante, modella, icona degli anni ’60. Ma anche ambientalista e fervente animalista, al punto da essere presidente di una fondazione che porta il suo nome. Brigitte Bardot ha scritto una lettera in francese al presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, chiedendogli di rimettere in libertà tre orsi rinchiusi nel recinto del Casteller. Nella missiva, l’attrice si definisce “scioccata e scandalizzata” dal fatto che gli orsi “catturati in Slovenia per reintrodurli in Italia nell’ambito del progetto Life Ursus Project finanziato da altissimi fondi europei, ora vivano chiusi in un bunker elettrificato“. Non si è fatta attendere la risposta – sarcastica – del presidente: “Brigitte Bardot ama gli orsi? Bene, la invitiamo a venirci a trovare in Trentino. Qui ne abbiamo tanti”.

Bardot si riferisce ai tre orsi rinchiusi nel recinto del Casteller, l’area poco distante da Trento dove si trovano l’esemplare M49, ribattezzato Papillon e celebre per le sue fughe, M57, l’esemplare di due anni e mezzo che la sera del 22 agosto scorso ha aggredito il carabiniere Diego Balasso ad Andalo, e l’orsa DJ3, che ha quasi 18 anni e si trova nel recinto dal 2011. “Non solo quello che state facendo a questi orsi innocenti è una disumanità abietta, ma anche un’appropriazione indebita di fondi europei “. Bardot chiede anche di “lasciare in pace la femmina JJ4“, soprannominata Gaia, che questa estate ha aggredito due escursionisti sul Monte Peller. Il Consiglio di Stato, che ha stabilito che l’orsa deve restare libera, accogliendo un ricorso degli animalisti per la sospensiva dell’ordinanza di cattura e reclusione emessa dalla Provincia autonoma di Trento.

Nella lettera Bardot ricorda di aver vissuto in Italia e di considerarla la sua seconda patria. “Non sopporto che questo paese di gioia di vivere e libertà possa comportarsi così selvaggiamente nei confronti di animali considerati jihadisti e rinchiusi in bunker di vergogna, con numeri degni di gulag“. BB assicura che se Fugatti non libererà gli orsi provocherà uno “scandalo globale” sostenuto dai “nostri numerosi partner” internazionali. “Ti giuro che non ti risparmierò“, conclude l’attrice.

Alla presa di posizione dell’animalista, Fugatti ha risposto invitandola in Trentino. “Anche noi amiamo la natura e gli animali, il nostro territorio è un esempio internazionale da questo punto di vista – ha detto il governatore – Non dimentichiamo tuttavia che gli orsi problematici annoverano ormai molte vittime tra gli animali che rappresentano il sostentamento dell’agricoltura e della zootecnia di montagna”. È proprio la logica di un migliore equilibrio, dice Fugatti, che l’amministrazione sta cercando di difendere con la decisione di rinchiudere i tre orsi. Inoltre, ha sottolineato quanto la realtà sia “ben lontana dalla finzione cinematografica, dove la rappresentazione dei fatti può non rappresentare pienamente le problematiche più autentiche”.

Fatto for future – Ricevi tutti i giovedì la rubrica di Mercalli e le iniziative più importanti per il futuro del pianeta.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!


Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

“Nel 2019 in Italia un reato contro l’ambiente ogni quattro ore”: l’ultimo rapporto Ecomafia. Rifiuti, cemento, cantieri: ecco tutti gli illeciti

next


Articolo Successivo

Clima, Greta Thunberg condanna i leader mondiali: “Parole vuote, non stanno facendo nulla per cambiare le cose”

next


Lascia un commento