Alto Adige, oltre il 60% dei cittadini allo screening di massa: trovati 3mila positivi. Kompatscher: “Evitati 95mila contagi”

Posted On By admin
alto-adige,-oltre-il-60%-dei-cittadini-allo-screening-di-massa:-trovati-3mila-positivi.-kompatscher:-“evitati-95mila-contagi”

Testati 322mila cittadini su 536.667 residenti: l’1% è positivo. Grazie ai risultati dello screening, che hanno permesso di interrompere molte possibili catene di contagio, si può già pensare a un allentamento delle restrizioni. Il presidente della Provincia di Bolzano: “Senza test a tappeto lockdown serio fino a Natale. Ora abbiamo possibilità per riaprire”

| 22 Novembre 2020

Per il terzo giorno in tutti i 116 Comuni della Provincia autonoma di Bolzano gli altoatesini si sono messi in coda davanti ai 184 presidi sul territorio per effettuare a titolo volontario e gratuito il tampone rapido. Lo screening di massa in Alto Adige, partito lo scorso venerdì, ha raggiunto un notevole afflusso: alle 16 di domenica 22 novembre, erano più di 322mila i cittadini testati, il 60% dei 536.667 residenti. Dei tamponi effettuati, quasi l’1% è positivo: circa 3mila persone, che non hanno ancora sviluppato sintomi e che ora si trovano in quarantena. “Se non li avessimo individuati, avendo in Alto Adige un Rt di 1,5, avremmo rischiato 95mila contagi nel giro di poco tempo”, ha detto il presidente della provincia, Arno Kompatscher, facendo un primo bilancio dei test a tappeto.

L’obiettivo dello screening di massa era effettuare 350mila tamponi rapidi, il 70% dei cittadini, per controllare tutta la popolazione di età superiore ai 5 anni, esclusi coloro che vengono regolarmente testati oppure che sono appena guariti dal coronavirus. “Speravamo – ha confessato Kompatscher – che almeno 200mila-250mila altoatesini accogliessero l’invito, mentre oggi alle ore 16 sono già stati effettuati oltre 322mila tamponi. Si tratta di un risultato straordinario“. Il presidente della Provincia autonoma ha invitato però i cittadini a “non abbassare la guardia, altrimenti sarebbe come mollare al minuto 89 una partita, essendo in vantaggio”.

Grazie ai risultati dello screening, che hanno permesso di interrompere molte possibili catene di contagio, si può già pensare a un allentamento delle restrizioni che sono in vigore nella Provincia, zona rossa dall’8 novembre. “Con questa operazione abbiamo ripreso il controllo e abbiamo la possibilità di ridurre i tempi del lockdown – ha spiegato Kompatscher – L’ordinanza attuale rimarrà in vigore fino al 29 novembre: non riapriremo subito, ci prendiamo questa settimana per analizzare i dati e avere una strategia di riapertura“. Quel che è certo, sottolinea il presidente, è che senza screening “si sarebbe dovuti andare avanti con un lockdown serio almeno fino a Natale. Adesso abbiamo la possibilità di riaprire”, ha concluso.

Memoriale Coronavirus

Oggi in Edicola – Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!


Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Articolo Precedente

Miozzo: “Spostamenti per Natale? Dipende dai prossimi 15 giorni. Sanzionare assembramenti o a gennaio ci sarà la terza ondata”

next


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *