Open

Afghanistan, il calvario dei civili in attesa di evacuazione: 20 mila persone bloccate all’aeroporto di Kabul

, Author

Resta alta la tensione all’aeroporto di Kabul. Mentre proseguono a rilento le evacuazioni dei cittadini afgani in lista per l’espatrio (sono 20 mila le persone bloccate in attesa), nella mattina di oggi si è verificata una sparatoria a uno dei cancelli dello scalo. Un soldato afgano ha perso la vita. Ieri, 22 agosto, il presidente statunitense Joe Biden ha detto: «La nostra priorità assoluta è portare tutti gli americani fuori da Kabul. Ho il cuore spezzato per le immagini che arrivano da lì». E agli Usa si sono rivolti, nella mattina di oggi, i talebani, attraverso un portavoce, avvertendo che se le truppe di Washington resteranno sul campo anche dopo il 31 agosto e «cercheranno di guadagnare tempo per continuare le evacuazioni dall’Afghanistan ci saranno delle conseguenze».


I talebani stanno picchiando le attiviste delle ong

La onlus milanese Pangea, da tempo presente in Afghanistan, sta denunciando episodi di violenza fisica ai danni delle attiviste rimaste nel Paese. «Alcune donne di Pangea sono state picchiate dai talebani. Vedere le foto con i loro lividi è stato straziante. I bambini hanno assistito a scene di violenza inaudita e sono molto spaventati». L’ong ha diffuso le immagini su Instagram, spiegando che «da venerdì Pangea lavora senza sosta per aiutare le colleghe di Kabul e le loro famiglie a raggiungere l’aeroporto. Sono stati giorni difficili. Le donne dello staff di Pangea e le loro famiglie sono rimaste intrappolate nella folla per ore, senza acqua, anche con bambini piccolissimi tra le braccia». A metà giornata, è arrivata la notizia che le attiviste della onlus sono riuscite a entrare nell’area aeroportuale.


Instagram | Pangea onlus

Frustati gli afgani che non indossano gli abiti tradizionali

Alcuni giovani afgani hanno denunciato su Facebook di essere stati frustati dai miliziani talebani perché indossavano abiti occidentali. Nello specifico, un ragazzo che stava passeggiando per Kabul con degli amici, vestito in jeans, ha scritto che alcuni talebani hanno fermato il gruppo con l’accusa di non «rispettare l’Islam». Minacciati con una pistola, i giovani sono stati fatti inginocchiare e frustati sul collo. Anche il quotidiano afgano Etilaatroz ha scritto che, nel weekend, uno dei suoi giornalisti è stato picchiato perché non indossava «abiti afgani». I talebani prenderebbero di mira chi indossa t-shirt occidentali e jeans.

All’aeroporto di Kabul 20 mila persone in attesa di essere evacuate

Ci sono circa 20.000 persone all’aeroporto di Kabul in attesa di essere evacuate dall’Afghanistan. Lo riferiscono alla Cnn fonti in loco precisando che i piani Usa prevedono l’arrivo di 33 C-17 dell’aeronautica statunitense nelle prossime 24 ore. Ciascuno dei velivoli ha la capacità di portare 400 passeggeri, il che significa che oltre 13.000 persone di quelle 20.000 potrebbero lasciare il Paese nelle prossime ore. Tuttavia secondo la fonte, Washington ha deciso di limitare le ammissioni all’aeroporto e da oggi farebbe entrare solo cittadini americani, i titolari di carta verde e cittadini dei paesi Nato, escludendo gli afghani.

Johnson chiederà a Biden di posticipare il ritiro

Al vertice del G7 di domani, 24 agosto, il premier britannico Boris Johnson farà pressioni sul presidente americano Biden per posticipare il ritiro delle truppe Usa dall’Afghanistan oltre il 31 agosto così che possano continuare le evacuazioni di civili dall’aeroporto di Kabul. Lo riferiscono i media britannici. Inoltre, il governo britannico ribadisce che le forze militari sul terreno resteranno fino a quando ci saranno gli americani. «Quando gli Usa si ritireranno, dovremo andarcene anche noi», ha detto il ministro della Difesa britannico, Ben Wallace. «Non credo che ci sia alcuna possibilità di restare senza gli Stati Uniti».

I talebani: «L’occupazione deve finire il 31 agosto»

Poco prima delle indiscrezioni sulla richiesta di Johnson di posticipare il ritiro, i talebani avevano avvertito: «Se gli Stati Uniti o il Regno Unito cercheranno di guadagnare tempo per continuare le evacuazioni dall’Afghanistan ci saranno delle conseguenze», ha detto Suhail Shaheen, uno dei portavoce e membro del team di negoziazione del gruppo in un’intervista a Sky News a Doha. «Il presidente Biden ha annunciato che il 31 agosto avrebbe ritirato tutte le truppe americane. Quindi se estendono il limite significa che stanno estendendo l’occupazione e non ce n’è bisogno», ha detto ancora il portavoce dei talebani ribadendo che se «l’intenzione è continuare ad occupare» l’Afghanistan «si romperà la fiducia e ci sarà una reazione».

Sparatoria all’aeroporto di Kabul

Secondo quanto reso noto dall’esercito tedesco e riportato da Associated Press, uno scontro a fuoco è scoppiato al cancello nord dell’aeroporto di Kabul nella mattina di oggi tra le forze di sicurezza afgane e «aggressori sconosciuti». L’esercito ha detto in un tweet che un ufficiale della sicurezza afgana è stato ucciso e altri tre sono stati feriti. Anche le forze statunitensi e tedesche sono state coinvolte.

Leggi anche:

Leave a Reply