Acqua

Quanto di più da conoscere per migliorare la vita

26enne-assolda-un-killer-sul-dark-web-per-uccidere-i-genitori:-un-giornalista-della-bbc-scopre-il-suo-piano-e-la-fa-arrestare

Affitta un killer dal dark web per uccidere i genitori e viene bloccata da un giornalista dalla BBC. La bizzarra vicenda l’ha raccontata il Guardian. Una 26enne australiana di Canberra avrebbe usato il dark web per assumere un killer e uccidere i genitori. Secondo la polizia australiana la donna avrebbe sborsato 20mila dollari, di cui 6mila subito cash. Ma l’aspetto più curioso è che l’uccisione dei suoi genitori programmata nei dettagli è stata fermata da un giornalista inglese della BBC che stava facendo ricerche sul dark web per una serie investigativa.

Mentre lavorava per la società di produzione Novel, il giornalista è incappato in prove evidenti su una transazione per assumere un killer ed uccidere due persone in Australia. “Crediamo che la donna abbia cercato il sito da sola e abbia preso accordi su quel sito, contattando qualcuno sul dark web e pagando un anticipo”, ha affermato la sergente della polizia di Canberra, Beth McMullen. Le forze dell’ordine, appena venute a conoscenza dei dettagli girati dal giornalista della BBC hanno cominciato a pedinare fisicamente e sul web la 26enne, controllandole i conti bancari, fino a quando è scattato un mandato di perquisizione nella sua casa di Fadden, un sobborgo di Canberra.

La polizia ha così sequestrato computer e smartphone, oltre ad arrestare la donna che non ha chiesto la libertà su cauzione. Sempre secondo le forze dell’ordine, i genitori destinati a perire sotto i colpi del killer non erano a conoscenza del presunto complotto. “Hanno collaborato pienamente con noi per fornire informazioni affinché le indagini venissero risolte il prima possibile – ha spiegato la polizia – le potenziali vittime erano molto scioccate”. Il sito del dark web dove la 26enne ha noleggiato l’assassino non è più attivo.

Il Fatto di Domani – Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento
abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro,
svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi
di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi,
interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico.
La pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre dei ricavi limitati.
Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci.
Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana,
fondamentale per il nostro lavoro.


Diventate utenti sostenitori cliccando qui.


Grazie
Peter Gomez

GRAZIE PER AVER GIÀ LETTO XX ARTICOLI QUESTO MESE.

Ora però siamo noi ad aver bisogno di te.
Perché il nostro lavoro ha un costo.
Noi siamo orgogliosi di poter offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti ogni giorno.
Ma la pubblicità, in un periodo in cui l’economia è ferma, offre ricavi limitati.
Non in linea con il boom accessi a ilfattoquotidiano.it.
Per questo ti chiedo di sostenerci, con un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana.
Una piccola somma ma fondamentale per il nostro lavoro. Dacci una mano!


Diventa utente sostenitore!


Con riconoscenza
Peter Gomez


ilFattoquotidiano.it

Lascia un commento